FIMMG ME inform@ - (Rassegna stampa)
''Decreto sviluppo: ecco il maxiemendamento su cui si voterà la fiducia''. (Principi attivi, Ricetta elettronica, Fascicolo sanitario elettronico, Registri tumori, Certificazione telematica di malattia) - Il sole 24 ore Sanità
Mercoledì, 5 Dicembre 2012


5 dicembre 2012 ore 15:20.


Decreto sviluppo: ecco il maxiemendamento su cui si voterà la fiducia

Ultimo atto per il decreto legge sviluppo, quello su «Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese». Il Governo ha predisposto il maxiemendamento su cui si voterà la fiducia e che oggi pomeriggio sarà illustrato in aula al Senato.

Principi attivi. Tra le norme di interesse sanitatrio quella che prevede che il medico curante indichi (d'obbligo) nella prescrizione il principio attivo contenuto nel farmaco necessario alla cura del paziente, e in maniera motivata l'eventuale specifico farmaco di cura.

Ricetta elettronica. Sempre in tema di prescrizioni il decreto dà il via alla ricetta digitale, prevedendo che le Regioni sostituiscano gradualmente le ricette cartacee per almeno il 60% nel 2013, l'80% nel 2014, il 90% nel 2015.

Oltre a rafforzare gli interventi in tema di monitoraggio della spesa del settore sanitario, la possibilità di adottare la prescrizione elettronica in sostituzione della tradizionale cartacea «concorre a ridurre i costi, determinando un effettivo miglioramento dei servizi per i cittadini, gli operatori sanitari e le farmacie», si legge nella relazione che accompagna il maxiemendamento.

Inoltre, per aumentale ì vantaggi per ì cittadini e gli operatori e migliorare il controllo della spesa, riducendo i costi, la proposta prevede di estendere la spendibilità delle prescrizioni di farmaceutica a tutto il territorio nazionale, (attualmente limitata alla Regione). Infine si prevede di integrare il sistema di controllo dei farmaci basato sulle fustelle cartacce con sistemi di tipo informativo, necessari a seguito della dematerializzazione delle prescrizioni (attualmente la fustella deve essere applicata alla ricetta cartacea) e di maggiore efficacia per il controllo della quota a carico del Ssn.

Infine, anche le Asl potranno implementare la conservazione delle cartelle cliniche solo in formato digitale.

Fascicolo sanitario elettronico. Sul fascicolo sanitario elettronico - altra previsione contenuta nel decreto - si parte dallo stato attuale soluzioni di Fse già realizzate o in fase di realizzazione in gran parte delle Regioni, anche grazie a progetti finanziati e coordinati a livello nazionale, interregionale ed europeo. Le infrastrutture sono in larga parte già disponibili nell'ambito del sistema pubblico di connettività e la nuova legge consente, anche attraverso l'utilizzazione di queste infrastrutture e quindi senza necessità di ulteriori investimenti, di utilizzare i dati disponibili nel Fse oltre che per prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione anche per scopi di studio e ricerca scientifica in campo medico, biomedico ed epidemiologico, e di impiegare le informazioni per la programmazione, gestione, controllo e valutazione dell'assistenza sanitaria.

A coordinare i progetti e a garantirne l'interoperabilità regionale sarà il ministero della Salute, in collaborazione con il Dipartimento per la digitalizzazione e l'innovazione nella pubblica amministrazione, che già oggi sono impegnati nella realizzazione del Fse attraverso il progetto «Servizi in rete per MMG/PLS - FSE regionale», che coinvolge le regioni del Sud (Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia e Calabria) e di cui si registra uno stato di realizzazione pari al 70 per cento.

Per questi progetti già esistono finanziamenti ad hoc: per le Regioni del Centro-Nord 39 milioni e per quelle del Centro-Sud 226 milioni. A queste vanno aggiunte le risorse previste nel ciclo di programmazione dei fondi strutturali europei 2000-2006, che prevede nell'asse I «società dell'informazione e della conoscenza» progetti regionali di sviluppo di sistemi di supporto per la sanità per un volume finanziario complessivo di 45 milioni.

Infine, anche nel programma straordinario di edilizia sanitaria ed ammodernamento del patrimonio tecnologico del Servizio sanitario nazionale le Regioni destinano risorse alla informatizzazione dei servizi sanitari, e in particolare alla realizzazione del Fse.

A tali risorse vanno poi aggiunti i fondi regionali destinati alla realizzazione di progetti locali in materia di Fse.

Registri tumori. Altra previsione del decreto è l'istituzione , a livello nazionale e regionale, delle sorveglianze e dei registri di tumori e di patologia di rilevante interesse sanitario, di trattamenti costituiti da trapianti di cellule e tessuti e trattamenti a base di medicinali per terapie avanzate o prodotti di ingegneria tessutale e di impianti protesici, tenuto conto che in parte l'attività connessa alla tenuta di tali registri costituisce una funzione già svolta, non comportante la necessità di prevedere (a legislazione vigente) maggiori oneri tanto di personale quanto di funzionamento. Obiettivo è l'acquisizione in modo sistematico di dati anagrafici e sanitari, la conoscenza dei rischi per la salute e di consentire la programmazione nazionale o regionale degli interventi sanitari volti alla tutela della collettività dai medesimi rischi. In questo senso i registri delle protesi di anca, ginocchio e spalla sono già attivi a livello sperimentale, attraverso il supporto tecnico dell'Istituto superiore di sanità e la partecipazione iniziale di cinque Regioni.

Certificazione telematica di malattia. Il decreto sviluppo «completa e rafforza», come speiga la relazione al maxiemendamento, le iniziative per assicurare un quadro completo delle assenze nei settori pubblico e privato e un efficace sistema di controllo, prevedendo, per semplificare gli adempimenti a carico dei lavoratori e dei medici (che non dovranno utilizzare procedure diverse: telematiche o cartacee), di uniformare la procedura relativa alla trasmissione telematica delle certificazioni di malattia attualmente utilizzata da tutti i dipendenti del settore privato e da tutti i dipendenti pubblici.

Rimangono comunque esclusi dall'obbligo di rilascio in modalità telematica delle certificazioni di malattia, i medici appartenenti alle forze armate e ai corpi armati dello stato nell'esercizio delle proprie funzioni.

La certificazione viene inviata dal medico curante del Ssn o dal medico convenzionato direttamente all'Inps utilizzando il sistema per la trasmissione telematica delle certificazioni di malattia realizzato in attuazione del decreto del ministro della Salute del 26 febbraio 2010, attualmente utilizzato dalla quasi totalità dei medici curanti.

L'emendamento introdotto prevede l'invio al lavoratore della certificazione, da parte del medico della struttura sanitaria se il lavoratore stesso ne fa richiesta. Ed è previsto che la certificazione di malattia per fruire dei congedi è inoltrata anche «all'indirizzo di posta elettronica del lavoratore che ne faccia richiesta.

Le relative modalità attuative sono rimesse ad un Dpcm su proposta del ministro per l'innovazione e del ministro del Lavoro, di concerto con Economia e Salute. Il Dpcm deve prevedere anche «la definizione del modello di certificazione e le relative specifiche».
Links & allegati
Collegamento a pagina WebIl testo del maxi emendamento (da Il Sole 24 ore Sanità.com)
Condividi sui Social Network
Stampa la pagina Segnala ad un amico News letta 6 volte
Dal 01/10/2006:
In linea:
 Cod. Fisc.  
Password  
Registrati Accedi
Non ricordi la password?
Per la consultazione degli allegati e dei documenti PDF è necessaria l'installazione di Adobe Acrobat Reader :
FIMMG Messina - Via Centonze, 182 - 98124 Messina - Tel. e fax: 0902931419 - messina@fimmg.org